Il Comitato AmareVado cessa definitivamente le sue attivita'

Il giorno 19 dicembre 2017 si e' tenuto l'ultimo incontro del direttivo (dimissionario dal 2014) del Comitato AmareVado

Vengono richiamate le decisioni assunte nella Assemblea Straordinaria del 21 nov 2014:

 

<si stabilisce di incaricare un giovane ricercatore di redigere una storia delle attivita' del Comitato AmareVado e della battaglia condotta a difesa dell'ambiente Vadese contro il progetto di realizzazione della Piattaforma, tale elaborato verra' pubblicato a futura memoria sul sito del Comitato ed eventualmente su carta per la diffusione. Se ci saranno ulteriori rimanenze verranno devolute ad associazioni quali Emergency, Uniti per la salute e VivereVado. Concluse tali incombenze il Comitato si dovra' considerare sciolto>

 

 

ora il momento di chiudere definitivamente e' arrivato, e' infatti alle ultime revisioni il testo dell'indagine commissionata ad un giovane studioso vadese e presto verra' pubblicato (anche tramite questo sito) come contributo alla memoria collettiva.

 

 

Avendo ormai sancito la fine delle attivita' come Comitato AmareVado abbiamo scritto formalmente al Sindaco di Vado Ligure per chiedere chiarimenti in merito ad eventuali pendenze a  seguito della sentenza TAR relativa al ricorso del Comune stesso contro i dragaggi che avevamo sostenuto.

Restiamo in attesa di risposta delegando il fiduciario cui e' affidato il fondo cassa all'eventuale pagamento delle spese in capo al Comitato e la devoluzione del rimanente come deciso gia' nel 2014.

Io e gli altri ex-membri dell'ultimo direttivo siamo sereni in questo passo per certi versi doloroso, siamo ancora convinti di aver operato per il bene della collettivita' e certamente continueremo ad opporci ai progetti di distruzione dell'ambiente in cui viviamo, non lo faremo piu' come CAV ma come persone attive e cittadini consapevoli, speriamo di avere tanti compagni di viaggio e ringraziamo i tanti che ci hanno accompagnato in questi anni di lotta e che hanno creduto nella correttezza delle nostre azioni.

 

L'ex presidente del CAV

Giovanni Daniele     

Vado Ligure, 01/01/2018